Come Fare il Pane in Casa Senza una Macchina del Pane

Perchè ogni tanto non permettersi il lusso di assaporare una fetta di pane fatto in casa? Ecco la ricetta base per sfornare una deliziosa pagnotta
Risulta essere un alimento che raramente manca in tavola all’ora dei pasti, e si abbina con tutto; unito a una fetta di prosciutto o a un pezzo di formaggio rappresenta uno spuntino perfetto o un rapido e semplice pasto veloce, mentre è indispensabile per fare la scarpetta con il sugo di un piatto particolarmente gustoso: ovviamente, stiamo parlando del pane.

Cibo universale, popolare e accessibile (quasi) a tutti, è quello che spesso ci si scorda di comprare, o che si fa diventare raffermo per non averlo consumato in tempo. Ma perché non provare per una volta a prepararlo in casa? Niente è più stuzzicante dell’odore del pane appena sfornato, fragrante, irresistibile è la crosta croccante nello spezzarsi e la morbida mollica.

Vi forniamo qui la ricetta base per preparare una bella pagnotta, da arricchire poi nei successivi tentativi con ciò che vi suggerirà la fantasia: frutta secca, cereali, olive, spezie.
Per la preparazione non è necessario avere a disposizione una macchina del pane, elettrodomestico relativamente al quale è possibile leggere questa guida, ma basta utilizza un normale forno.
Come ingredienti, vi servono 500 gr di farina bianca, 25 gr di lievito di birra, cinque cucchiai d’olio, 15 gr di sale e due cucchiaini di zucchero.

Versate il lievito di birra in una ciotola, sbriciolandolo e aggiungendovi lo zucchero e un mezzo bicchiere d’acqua tiepida; mescolate il composto fino a che sarà ben omogeneo, poi coprite con un piattino, aspettando fino a che non si formerà in superficie una schiuma leggera. Su una spianatoia nel frattempo formate una fontana con la farina, e poi nel buco al centro versateci il composto di lievito, l’olio e il sale sciolto in un altro po’ d’acqua; lavorate la pasta per dieci minuti buoni, fino a che non risulterà elastica, omogenea: se è troppo dura, aggiungete acqua, mentre se risulta troppo liquida, versateci un altro pizzico di farina.

A questo punto appallottolate il composto e posatelo su un vassoio infarinato da coprire con un telo pulito; riponete il piatto dentro al forno spento o in un luogo non esposto alle correnti d’aria, lasciandovelo per circa due ore. La pasta in questo tempo dovrà raddoppiare di volume, in seguito basterà regalarle la forma desiderata, incidendola nel mezzo con quattro tagli della profondità di 1 cm. Infornatela a 220 ° per venti minuti ( il forno dovrà essere stato già riscaldato prima), poi abbassate la temperatura a 180° ( cercando di impostarla sulla parte inferiore del forno) e fate cuocere per altri 25 minuti. Lasciate raffreddare in forno, poi tagliate a pezzi e servite con orgoglio in tavola.